L'ELENCO DELLE AZIENDE
Contatta direttamente le aziende

Haulotte "colora" Torino

  • 27/01/2011, San Giuliano Milanese - Milano

  • Grande muro, grande… piattaforma.
  • Azienda Haulotte Italia

 

Richiesta di preventivo e/o di informazioni

 

Si è verificato un errore e non è stato possibile inviare l'informazioneNon è stato possibile inviare parte dell'informazione.
Per favore, provi ancora
Per favore, provi ancora

In un famoso slogan pubblicitario di diversi anni fa, per pitturare un grande muro serviva un grande pennello. Oggi, invece, di grande servono le piattaforme di lavoro aereo Haulotte. Questo, almeno, è quello che è successo a Torino per il "PicTurin Festival" evento di arte murale che nei mesi di ottobre e novembre ha coinvolto writers nazionali e internazionali nella decorazione di una serie di spazi cittadini del capoluogo piemontese.

Un modo originale e di grande impatto per contribuire alla riqualificazione di alcune aree di Torino grazie al contributo di artisti che, dal centro alle periferie, hanno popolato la città di colore e immagini. Organizzata con il patrocinio della Regione Piemonte, del Comune di Torino (Settore Politiche Giovanili) e di una serie di associazioni cittadine impegnate nel settore delle politiche giovanili e dell'arte pubblica che ha nel colore il suo linguaggio principale - fra queste Artefatti, Murarte, Il Cerchio e Le Gocce, Style Orange, con la direzione di cantiere della Fondazione Contrada Torino onlus - la manifestazione ha coinvolto un totale di oltre 3.500 metri quadrati di superfici murali dipinte, alcune delle quali situate in luoghi nevralgici del capoluogo. Racconta Riccardo Lanfranco, rappresentante dell'associazione Il Cerchio e Le Gocce, «il progetto PicTurin, uno dei più grandi festival di arte murale mai realizzati in Europa, nasce da una nostra proposta che nel 2010, anno di Torino Capitale Europea dei Giovani, ha ricevuto un impulso decisivo grazie al patrocinio ufficiale di Regione e Comune. L'evento, finanziato dalla Comunità Europea, ha coinvolto una serie di location dove oltre 40 artisti, utilizzando tecniche personali, hanno arricchito il paesaggio urbano di nuovi segni». Tra le molte ambientazioni "d'effetto" dei murales, segnaliamo sicuramente le opere di arte murale eseguite sulle facciate della sede delle Facoltà Umanistiche dell'Università degli Studi di Torino: una verso Corso San Maurizio, l'altra sulla Piazza Aldo Moro, entrambe "marcate" dall'inconfondibile profilo sullo sfondo della Mola Antonelliana.

Gli artisti partecipanti all'evento hanno avuto necessità in questa occasione di un partner tecnologico altrettanto prestigioso per raggiungere le loro "tavolozze", costituite da muri ciechi situati sino ad altezze di 35 metri da terra: partner individuato in Haulotte, che attraverso la filiale STICAR di Leinì (TO) ha fornito ai writers una squadra di piattaforme aeree, rimaste al loro servizio per i due mesi della manifestazione. Come racconta Stefano Palumbo, tecnico commerciale STICAR, «le location individuate per la manifestazione si trovavano tutte a notevoli quote, che richiedevano quindi l'utilizzo di macchine di una certa importanza e dalle caratteristiche idonee in funzione dei luoghi di impiego. In particolare in questa occasione risultavano necessari sia modelli a braccio articolato e a sfilo, per consentire il lavoro anche sulle pareti meno accessibili, sia modelli a pantografo, che permettessero di operare anche a filo muro, e versioni autocarrate per garantire una rapida mobilità. Abbiamo preso contatto con la Fondazione Contrada Torino, che in questo caso agiva da committente, e dopo un sopralluogo di tutte le location dell'evento necessario a definire i mezzi più idonei per ogni situazione, ci siamo aggiudicati la fornitura».
I lavori si sono svolti nell'ambito di un progetto complessivo che ha curato molto gli aspetti inerenti la sicurezza, dovendo svolgersi in ambito prettamente urbano e in zone ad alta affluenza come ad esempio quella dell'Università. A questi aspetti ha ottemperato l'architetto Giusy Rossi, Coordinatore per la sicurezza nell'esecuzione dei lavori.

Una fornitura, quella di Torino, dalla gestione piuttosto complessa, che comportava anche l'esigenza di istruire all'impiego delle piattaforme writers che non si erano mai trovati alle prese con macchine importanti. «Siamo stati scelti, nonostante una agguerrita concorrenza, sia per la riconosciuta qualità dei mezzi Haulotte che per la loro spiccata facilità di impiego, ma anche per i supporti che abbiamo offerto in questa particolare occasione - sottolinea Stefano Palumbo -. Penso, soprattutto, ai corsi di istruzione che abbiamo tenuto a molti degli artisti che hanno partecipato all'evento: una giornata, articolata in una parte teorica e una esercitazione pratica, focalizzata sui modelli che abbiamo fornito per la manifestazione, in particolare le piattaforme Haulotte H43 TPX e HA32 PX, che per le loro caratteristiche e le altezze operative raggiungibili risultavano essere quelle più impegnative, ma abbiamo fornito anche diverse piattaforme a pantografo».

Un servizio quello della formazione, oltre che necessario, particolarmente appezzato dagli artisti: «Tutti avevano già utilizzato in passato mezzi meccanici per lavorare in altezza - precisa Riccardo Lanfranco, ma in questo caso le superfici assegnate richiedevano l'impiego di macchine decisamente impegnative. Sotto questo aspetto abbiamo ricevuto da STICAR, oltre alle piattaforme impiegate durante l'evento, un supporto preziosissimo sia per l'istruzione al loro utilizzo che sotto il profilo della sicurezza. Tutti gli artisti hanno infatti seguito un corso di formazione presso la filiale di Leinì, conseguendo un vero e proprio patentino che, insieme alla facilità di approccio delle piattaforme Haulotte, ha consentito di esprimere tutta la loro creatività sempre in condizioni di massima sicurezza».

L'esperienza di Torino evidenzia ancora una volta, se ce ne fosse ancora bisogno, la grande versatilità delle piattaforme di lavoro aereo, macchine per le quali ogni giorno si scoprono sempre nuove possibilità applicative per lavorare in quota in tutta sicurezza.

Telefono
Vedi telefono
Pagina web
Visita il sito
E-mail
Invia email
Indirizzo Via Lombardia, 15
20098  San Giuliano Milanese
Milano - ITALIA
(Fare clic qui per visualizzare la mappa)