L'ELENCO DELLE AZIENDE
Contatta direttamente le aziende

Security e Magazzini

  • 06/05/2010, Vigliano, Biella

  • Un moderno magazzino deve garantire efficienza e rispetto dei canoni qualitativi di servizio, ma le esigenze richieste dall’attuale contesto socio economico impongono di rendere questa struttura funzionale anche dal punto di vista della sicurezza.
  • Azienda Gruppo Incas

 

Normalmente l'approccio a questo problema è sempre stato di tipo "elettrico", un insieme di apparati standard di mercato, ognuno operante in modo autonomo e non "sistemico" ovvero un insieme integrato di funzioni. Incas, grazie al suo expertise nell'automazione della supply chain, ha applicato nella progettazione del sistema sicurezza una visione sistemistica guardando a tutti gli aspetti che influenzano l'operatività e la security del magazzino e quindi integrando i vari sottosistemi:

► antintrusione
- perimetrali
- sensori volumetrici
- sensori di prossimità per le aperture

► videosorveglianza anche remota

► antincendio

a cui si aggiungono altri sottosistemi quali:

► controllo accessi

► centralina comando illuminazione

► comando controllo aperture

► centralina riscaldamento/rinfrescamento

ed infine i moduli di supervisione degli impianti tecnologici

► monitoraggio linee produttive / linee di convogliamento / magazzini automatici

► monitoraggio utenze tecnologiche, energia elettrica, gas, smaltimento

Tutti questi moduli possono operare in versione stand alone, ma richiedono un significativo apporto di gestione per verificare l'efficienza e controllare le informazioni raccolte. L'integrazione su una centrale operativa unica consente, invece, di avere a disposizione un cruscotto efficace per tutte le utenze, visionando lo stato degli impianti e dell'immobile anche da remoto in modo semplice e permette di definire delle precise strategie operative in caso di allarme, oltre a descrivere condizioni specifiche per l'attivazione eliminando le cause di falso allarme.

Ad esempio, in caso di attivazione di un sensore antintrusione, accendere tutte le luci oltre a chiamare la sorveglianza, contemporaneamente presentare su un video in ingresso al magazzino la posizione dell'allarme abilitando la telecamera più prossima al punto interessato, in modo da rendere più agevole e sicuro anche il successivo intervento degli addetti o delle forze dell'ordine.
Infatti questi accorgimenti aiutano gli addetti alla sorveglianza ad operare nelle condizioni migliori oltre ad essere anche un dissuasore intrinseco rispetto a tentativi di effrazione.

Il sistema è stato realizzato con il supporto di esperienza dell'Arma dei Carabinieri e con l'expertise maturato realizzando il sistema di sicurezza della Questura di Biella.

L'impianto non si limita alla gestione della security ma consente operazioni di domotica quali controllo luci, riscaldamento e condizionamento che garantiscono efficienza e risparmio energetico.

Uno dei cicli impostabili sul sistema è il seguente:

  • attivazione del sistema di allarme secondo orari e calendario prefissati. In questo caso 10 minuti prima dell'attivazione viene diffuso un messaggio di avvertimento e, in caso di presenza di personale, lo stesso si fa riconoscere tramite lettura del tag di controllo accessi e l'attivazione è ritardata ad esempio di 1 h.
  • allarme attivo. In questo caso vengono spente tutte le luci eventualmente rimaste accese e controllato lo stato di stand by agli impianti di condizionamento o riscaldamento.
  • in caso di attivazione di un allarme si possono attivare più procedure:
    • chiamata degli addetti alla sorveglianza con indicazione del tipo di allarme e di quale area è interessata
    • visualizzazione sul display sinottico in ingresso dell'allarme o del percorso di allarme attivato con indicazione dei materiali presenti sul luogo. Indicazione utile per capire il grado di attrattività dell'effrazione dei materiali presenti o la loro pericolosità in caso di incendio
    • accensione di tutte le luci per favorire l'intervento della sorveglianza
    • visualizzare delle immagini delle telecamere più prossime al punto di allarme
  • disattivazione del sistema antintrusione può avvenire a tempo o comandato dall'entrata di personale abilitato che si può far riconoscere tramite tag personale

Accanto a queste funzioni è poi presente il sistema di controllo accessi che abilita/disabilita il sistema antiintrusione, ma certifica anche la presenza del personale all'interno dello stabile come richiesto dalle norme di sicurezza. Ovviamente è possibile compartimentare aree o locali e controllare l'accessibilità sempre con il riconoscimento del TAG personale.

Il sistema antincendio controlla tutti i sensori e può attivare le pompe di spegnimento, chiamare vigili del fuoco e sorveglianza, chiudere porte tagliafuoco ed attivare tutte le procedure desiderate.

La videosorveglianza è sempre presente con memorizzazione rotativa delle immagini e fermo delle riprese in prossimità dell'attivazione di un allarme. Si possono abbinare anche unità di riconoscimento e lettura targhe dei mezzi per consentire l'accesso ai soli mezzi abilitati o per la gestione dei piazzali di carico/scarico

Particolare attenzione è stata posta alla immediatezza nella percezione delle informazioni sul sinottico di presentazione e sulla sua interrogabilità. Questo per facilitare interventi immediati e sicuri che avvengono in condizioni normalmente concitati ed in ore non canoniche.

Sullo stesso sistema si può visualizzare il funzionamento di impianti di movimentazione, magazzini automatici, linee produttive e di impianti tecnologici quali fonti energetiche (fotovoltaico, biomasse, etc.) o sistemi di depurazione ed abbattimento fumi.

Un sistema flessibile e modulare che consente di affrontare con investimenti contenuti il problema della sicurezza degli edifici, specialmente dei magazzini spesso in posizioni periferiche e con alto rischio di effrazione, ottenendo anche risparmi nel costo di gestione (luci, condizionatori, impianti tecnologici) e nei premi assicurativi.

Telefono
Vedi telefono
Indirizzo via Milano, 16
13856  Vigliano
Biella - ITALIA
(Fare clic qui per visualizzare la mappa)