Questo sito utilizza cookies proprie e di terzi per una migliore esperienza e migliori servizi. Se continui con la navigazione intendiamo che ne accetti l'utilizzo. Per ulteriori informazioni, visita la nostra pagina web. Politica sui cookie

Situata nelle campagne piacentine, l'azienda agricola VALTREBBIA nasce dalla passione per la terra e dall'esperienza di 3 fratelli agricoltori: Claudio, Fausto e Andrea Gandini.
Agli inizi VALTREBBIA era dedicata esclusivamente nella produzione di pomodori di conserva mentre oggi ha diversificato la produzione: negli oltre 900 ettari coltivati vengono infatti prodotti frumento per la rotazione, meloni retati, zucche di qualità delica - bertina e di Halloween e, soprattutto, fagiolini per consumo fresco, di cui l'azienda piacentina è divenuta nel giro di pochi anni una delle più importanti realtà produttive in Italia ed Europa.
Il fagiolino viene coltivato nei dintorni di Piacenza a esclusiva e diretta cura di VALTREBBIA, che risulta essere così l'unico operatore, in Italia ed Europa, che coltiva direttamente tutta la produzione immessa sul mercato. Il volume della produzione da giugno ad ottobre è di circa 5.000 tonnellate, con una spedizione media giornaliera di circa 400 quintali. La qualità è inoltre garantita da un sistema di rintracciabilità che copre tutte le fasi di lavorazione, sottoposto a certificazione volontaria a fronte della norma UNI 11020. VALTREBBIA inoltre aderisce al marchio collettivo Qualità Controllata Valorizzazione dei prodotti agroalimentari dell'Emilia Romagna.
La crescita di VALTREBBIA è dovuta anche all'attenzione verso la tecnologia, con l'acquisizione di modernissime attrezzature che ne facilitano il ciclo di produzione e lavorazione. Sulla linea di imballo sicuramente un ruolo importante lo gioca il laser Macsa K-1010 SP installato da TRADEX. I laser Macsa, distribuiti in esclusiva da TRADEX e disponibili in un'ampia gamma di modelli in versioni CO2 e YAG, consentono una marcatura ad alta risoluzione pulita, veloce ed indelebile nel tempo, evitando la contaminazione dell'ambiente di produzione, grazie all'assenza di materiali di consumo. La serie K-1000 (laser CO2 ideale per la marcatura di etichette, cartone, PET, vetro, legno, plastica etc.) si distingue per design compatto, alta velocità di stampa ed estrema facilità d'uso.
Il laser K-1010 SP è installato nella zona di fine linea: dopo che i fagiolini sono stati scaricati direttamente dal campo ai nastri trasportatori, puliti dai rametti e dalle foglie passando attraverso lo scroccolatore ed i banchi vibranti, lavati nelle apposite vasche e selezionati attraverso un'accurata cernita a mano, vengono confezionati nelle apposite cassette di legno, le quali, vengono prima marcate appunto dal laser con il numero del lotto, ad una velocità di 10-15 metri/min. La scelta del marcatore laser è dovuta, oltre che per l'affidabilità e la leggibilità, anche al fatto che questo applicativo non prevede materiali di consumo quali cartucce di inchiostro, contenendo così i costi, ma risolvendo anche i problemi di igiene e pulizia, indispensabili in un ambiente produttivo alimentare.