L'ELENCO DELLE AZIENDE
Contatta direttamente le aziende

Poderoso rinnovamento della gamma prodotti Oil & Steel all’Intermat 2009

  • 21/04/2009, Parigi

  • Oil & Steel mostra i muscoli in tempi di crisi e si presenta ad Intermat 2009 con ben 5 novità di prodotto per replicare il successo della nuova Snake 2010 Compact.

 
Oil & Steel S.p.A., leader europeo nella produzione di piattaforme aeree autocarrate e cingolate, ha voluto sfruttare la risonanza internazionale della kermesse francese per lanciare in anteprima mondiale ben 5 nuovi modelli sull'onda del poderoso sforzo di rinnovamento della gamma prodotto iniziato nel 2008 e culminato con la presentazione sul mercato della rivoluzionaria Snake 2010 Compact con stabilizzazione Gecko.

Sulla scorta infatti del successo di questo modello Oil & Steel ha ampliato la propria offerta di piattaforme con articolazione a doppio pantografo montate su autocarro, integrando la serie Snake COMPACT con due nuovi modelli: la Snake 1770 COMPACT e la Snake 2512 COMPACT.

La serie Snake COMPACT si impone come vera "City Platform", grazie a dimensioni super ridotte, allestimenti su autocarri con passo corto e sistemi di stabilizzazione in sagoma o estremamente compatti.

Tutti e tre i modelli della serie Snake COMPACT condividono alcune caratteristiche fondamentali quali:

Comandi totalmente idraulici, per una massima affidabilità.
Struttura a doppio pantografo con una perfetta ascesa e discesa "filo a piombo"
Comandi d'emergenza posizionati a bordo pianale per facilitare al massimo le operazioni da terra
Condotti idraulici e cavi elettrici interni alla struttura per una massima protezione da urti accidentali.

Inoltre tutti i modelli della serie sono caratterizzati da un minimo ingombro della testata nel fronte stradale quando la sovrastruttura è ruotata a 90° e il pantografo è chiuso; la serie Snake COMPACT offre poi la possibilità di caricare il cestello sia a macchina chiusa che da terra.

Ma ecco le caratteristiche specifiche dei due nuovi modelli:

Snake 1770 COMPACT
Allestita su autocarro da 3,5 ton (in fiera è stata presentata su Renault Maxity ) è una piattaforma articolata a doppio pantografo, capace di un'altezza massima di lavoro di 17 m e di uno sbraccio laterale di 7 m.
La particolarità di questo modello risiede nel sistema di stabilizzazione in sagoma; grazie a questa soluzione, la Snake 1770 COMPACT stupisce per velocità di posizionamento e per il ridotto ingombro una volta stabilizzata: ciò consente all'operatore di alloggiare la piattaforma in spazi ristretti, come ad esempio un parcheggio da auto, senza invadere né il fronte stradale né eventuali marciapiedi.
Le dimensioni della piattaforma allestita sono di 2400 mm di altezza e 5790 mm di lunghezza.
La struttura del doppio pantografo è la medesima della Snake 2010 COMPACT quindi anche la Snake 1770 viene installata su autocarro con passo 2900 mm, caratteristica questa che conferisce al mezzo una formidabile capacità di manovra soprattutto in ambienti metropolitani.
L'area di lavoro della Snake 1770 COMPACT è sempre realizzabile con capacità di carico di 200 kg.

Snake 2512 COMPACT
La Snake 2512 COMPACT è stata invece presentata su autocarro Iveco Daily da 6 Ton.
Come gli altri due modelli minori, anche la 2512 è una piattaforma a doppia articolazione che ha però un'altezza massima di lavoro di 25 m e uno sbraccio massimo di 12 m.
Questo modello è stato sviluppato per venire incontro alla sempre crescente richiesta di autocarri leggeri con P.T.T. superiore a 3,5 ton per il noleggio a freddo. Come gli altri modelli di questa giovane ma fortunata serie, la 2512 è caratterizzata dal posizionamento dei comandi in basso a bordo pianale, dalla rotazione a 360° su ralla, dal passaggio di tutte le tubazioni sia idrauliche che elettriche all'interno dei bracci per maggiore protezione.
Particolarità della Snake 2512 COMPACT risiede nel sistema di stabilizzazione a più aree di lavoro, per cui è possibile operare anche con stabilizzatori in sagoma e posizionare così il mezzo in spazi ristretti.
La Snake 2512 COMPACT è in assoluto la piattaforma più compatta della sua categoria, misura infatti solo 7700 mm di lunghezza e 2590 mm di altezza.

La serie Octopussy EVO
Fu Oil&Steel, nel 1996, ad ideare per prima una piattaforma cingolata compatta lanciando la Octopussy 1055.
A distanza di 13 anni l'azienda vuole ora scrivere una nuova pagina nella storia di questa tipologia di piattaforme aeree lanciando la nuova serie Octopussy EVO nelle versioni Octopussy 1500 EVO e Octopussy 1800 EVO.
EVO sta proprio a significare Evoluzione Tecnica che queste piattaforme esprimono rispetto agli attuali modelli in commercio; la nuova serie si avvicina concettualmente alle piattaforme semoventi: la parte aerea è completamente staccata dal carro cingolato e tutti i dispositivi, compreso il motore a scoppio, sono all'interno della corpo centrale protetto da carter . In questo modo la protezione degli apparati è totale e l'accesso agli stessi è enormemente semplificato.
La nuova serie è articolata a doppio pantografo, struttura che permette la cosiddetta ascesa/discesa "a filo piombo",. Tale operazione consente una maggiore produttività grazie al risparmio di tempo prodotto dal movimento perfettamente verticale del cestello.
I due nuovi modelli sono allestiti su carro cingolato allargabile da 78 a 95 cm che facilita il transito su terreni accidentati e off-road, dotando la nuova Octopussy EVO di maggiore stabilità.
La nuova serie cingolata è stata dotata di cestello in grado di ruotare a 45° dx + 45° sx, caratteristica che aumenta notevolmente l'operatività della piattaforma.
Alla rotazione del cestello si aggiunge anche, come accessorio opzionale, il jib rotante idraulico a 45° dx + 45° sx, vera rivoluzione in questa categoria di piattaforme. Questo optional permette di aumentare notevolmente lo spazio di intervento senza avere la necessità di riposizionare la piattaforma e risparmiare quindi tempo: si pensi per esempio ad un giardiniere che debba potare un albero e possa utilizzare il jib rotante per effettuare la potatura anche sul fronte opposto rispetto a dove ha stabilizzato la macchina.
Altra fondamentale innovazione apportata sulla nuova serie Octopussy EVO è il nuovo sistema di stabilizzazione che permette di posizionare i bracci stabilizzatori in diverse posizioni a seconda dello spazio disponibile; in base alla stabilizzazione scelta la piattaforma permetterà, in automatico, solo una determinata area di lavoro, evitando possibili errori umani di manovra.
La Octopussy 1500 EVO è capace di un'altezza massima di lavoro di 15 m e di uno sbraccio laterale di 7 m, mentre la Octopussy 1800 EVO raggiunge i 18 m di altezza massima e gli 8,5 m di sbraccio di lavoro.
La serie Octopussy EVO è equipaggiata con telecomando a filo ( nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia di sicurezza ) che facilita le operazioni di carico/scarico con rampe e di traslazione in quanto l'operatore è in grado di avere una visibilità maggiore nella fase operativa.

Octopussy 1400 CLASSIC
A Parigi Oil&Steel ha esposto anche un nuovo modello che vuole essere l'entry level della linea: la Octopussy 1400 CLASSIC. Sviluppata partendo dalla Octopussy 1412 TWIN, questo nuovo modello si caratterizza per il controllo totalmente idraulico, l'estrema compattezza ed un prezzo di vendita incredibilmente contenuto.
L'altezza massima di lavoro è di 14 m, lo sbraccio massimo raggiungibile è di 6,4 m.

A Parigi Oil&Steel lancia un altro messaggio forte al mercato  - dice l'ing. Andrea Certo, Amministratore Delegato di Oil&Steel -   abbiamo la gamma di prodotti più completa e tecnologicamente avanzata del settore

Presso lo stand Oil&Steel è stata poi presentata anche una Eagle S 6232, piattaforma autocarrata dotata di un'altezza di lavoro di 62 m e di uno sbraccio di 32 m. La piattaforma esposta appartiene ad una importante azienda di noleggio francese, la Revel SA, che ha già ordinato altri modelli della stessa linea.