Questo sito utilizza cookies proprie e di terzi per una migliore esperienza e migliori servizi. Se continui con la navigazione intendiamo che ne accetti l'utilizzo. Per ulteriori informazioni, visita la nostra pagina web. Politica sui cookie

Già presente negli USA con due stabilimenti produttivi e quattro filiali di vendita, dal 2002 Hörmann distribuisce nella zona orientale degli Stati Uniti i propri prodotti, soprattutto portoni da garage e portoni industriali. Oggi, con l'acquisizione della Northwest Door, azienda locale a conduzione familiare, il produttore tedesco compie il primo passo verso un nuovo obiettivo: includere l'area nord-occidentale degli States nel proprio mercato globale.

Con la firma di Christoph Hörmann, avvenuta solo poche settimane fa, si è concluso ufficialmente il processo di acquisizione dell'americana Northwest Door Inc. da parte del Gruppo Hörmann.

Messa in vendita dal titolare Steve DeWitt, la Northwest Door fu fondata nel 1946 a Puyallup, vicino a Seattle, nello stato di Washington. L'azienda produce e vende portoni sezionali in acciaio, legno e alluminio per il settore residenziale e industriale, con il supporto di circa 300 dipendenti e una rete di distribuzione ben sviluppata, composta da sei filiali dislocate nel nord-ovest degli Stati Uniti. In base agli accordi stipulati, l'attuale direttore Jeff Hohman continuerà a svolgere la propria mansione, mentre i portoni continueranno ad essere venduti con il marchio Northwest Door.

"I dipendenti della Northwest Door, e in particolare il direttore Jeff Hohman, hanno un'esperienza pluriennale nel settore dei portoni negli Stati Uniti nord-occidentali - ha dichiarato Christoph Hörmann. Oggi ci arricchiamo così di un'azienda che, come noi, è a conduzione familiare e locale, il cui presidio nel nord-ovest degli Stati Uniti va a completare perfettamente la nostra presenza attuale nell'est. Riteniamo che gli USA siano per noi un mercato molto importante - ha poi concluso Christoph Hörmann - e sarà nostro compito predisporre ulteriori investimenti e valorizzare la produzione locale".